Bari 2011

Torre a Mare, 25 Giugno ore 18:00 : quando siamo arrivati nel luogo del ritrovo sinceramente non mi aspettavo affatto tutte quelle presenze .65 gli iscritti e almeno 80 tutti i presenti, provenienti da tutta la Puglia e anche dalla Basilicata .si può dire senz altro che questo è stato lo street con più partecipanti in assoluto.
Sfortunatamente, nonostante la bellezza sia dei blocchi che sopratutto della zona scelta, la giornata è stata caratterizzata dal forte vento di maestrale che ha reso quasi impraticabili 2 dei 3 settori dove si sviluppava il contest. Infatti la quarta edizione dello Street Boulder Bari si è tenuta nel  suggestivo porto di Torre a Mare, dove le barche dei pescatori e la presenza del mare hanno saputo creare una atmosfera  ben diversa da quelle che siamo abituati a vedere nelle nostre uscite in falesia. Purtroppo le onde alte 2 m che si infrengevano lungo il molo hanno totalmente messo fuori uso i 10 boulder di questo  settore costringendo gli organizzatori ad inventarsi una serie di lanci e traversi a punti che avrebbero cmq fatto divertire i partecipanti.

Il primo settore ad essere stato invaso dai climbers  invece è stato risparmiato dall’ ira di nettuno e ha ragalato una serie di boulder davvero molto particolari che spaziavano  da lanci a 2 mani, ad un  pilastrino incassato in un muro con traverso su finestra finale, al perfido diedro (rimasto inviolato). L’ultimo settore, infine, sfruttava   i muri di cinta del porto dove erano anche ubicati dei piccoli ripostigli in cui i pescatori  riponevano le loro attrezzature. Qui invece il forte vento ha pensato bene di sollevare la sabbia che circondava la zona renendo impossibile la vista oltre i 2 m di distanza e regalando una di quelle tempeste di sabbia che neanche nel deserto del sarha se ne vedono . Ma nonostante la situazione sgradevole, i nostri atleti hanno continuato a lottare fino alla fine e a liberare gli innumerevoli boulder che erano stato creati nella zona e a divertisrsi, nel pieno rispetto degli obbiettivi prefissati.

Le finali hanno entusiasmato molto i partecipanti che  a suon di tendiniti e sopratutto congiuntiviti hanno gareggiato sempre agguerriti e non curanti della malefica situazione. Molto bello il primo blocco di finale maschile che si sviluppava lungo un muro alto 5 m fatto interamente in blocchi di pietra senza la minima presenza di fessure per le dita..grado stimato 6c che data l’ impossibilità di aprire gli occhi (per via della tempesta di sabbia  subsariana in atto) è notevolmente incrementato. Dei 15 partecipanti solo 3 sono riusciti a scavalcare l’ imponente muro e a toccare con le proprie mani il Crash pad Kando spettante al vinccitore messo sopra le loro teste per motivare maggiormanete gli stremati e lacrimanti urban climber nella salita. Bravi a completare il percorso Gianluca  alias Pupillo, Stefano di Taranto e Marco il supereroe potentino che aveva sbadatamente provato il blocco di finale in qualifica.   A decretare il vincitore della quarta edizione dello street boulder Bari è stata una superfinalissima su un pilastro fuoriuscente da un casolare alto 3m senza prese  con solo un rovescio in un tubo di scarico di acque povane che è stata salita all’ ultimo dei 3 tentativi messi a disposizione da uno strabigliante e super informa  Pupillo che in comune accordo con gli altri finalisti ha deciso di mettere a disosizione della comunità boulderista locale il morbidoso premio per le uscite al bosco di Pietra del Toro.

Anche bella la finale femminile che  da una finestrella prevedeva , seguendo il bordo di una cornice, di  raggiungere  il piano superiore di  un pilastrino  sporgente. Ottima la prestazione di Gabriella  che si aggiudica il primo posto e anche delle altre 4 coraggiose  ragazze in gara.

Concludendo è stato questo un inusuale street boulder caratterizzato da una coinvolgente bellezza dei blocchi e dei paesaggi sullo sfonfo ma purtroppo anche  da condizioni meteo molto proibitive che inutilmente hanno provato a rovinare quella che alla fine è stata come sempre  una “festa” in grado di riunire e far divertire  tutti i climber  della zona.

Un ringraziamento particolare va oltre a tutti i partecipanti che hanno saputo “resistere” e lottare fino alla fine, a Mimmo per il prezioso supporto tecnico ed agli sposnsor che ci hanno sostenuto: FELS con le fantastiche  magliette preparate ad hoc per l’ evento, KANDO per averci messo a disposizione un otttimo Crash Pad come superpremio, CLIMB WALL, KANKU DAI e K2 INDOOR per il supporto economico.

Alla Prossima,

by El Bando

nick nick nick nick
1 el bando 2 Ezio 3 Patrick 4 Luca
5 gigi 6 rocco 7 Valerio 8 Raffaele
9 Joker 10 Adler 11 Valerio Piscopo 12 the second
13 Domenico 14 monella2575 15 mimmuz 16 andrea f.
17 |||||||| 18 ettore uccello “martingofen” 19 Modot 20 Helmut
21 Ginokkio 22 La Zia 23 Vallarels 24 Romeo Balcony
25 ciccio 26 luisio 27 Marco Inguscio 28 gracy18
29 mc guyver 30 ordeo 31 Gianluca pupillo 32 Sctaibenn
33 Andrea Smile 34 martin reinhardt 35 christian 36 christian
37 christ85 38 francesco B 39 Marco 40 stef
41 francio 42 il cat 43 FELS 44 morghi mor
45 custode 46 PAPPAGALLO 47 PAPPAGALLO 48 lupo
49 volpe 50 danilo 51 Grifus 52 RE DEL BOSCO
53 GABRI 54 Emanuele Di Fronzo 55 Giovanni Di Fronzo 56 Stability
57 antonella 58 andrea 59 THE WINNER 60 danilo
61 Daniela 62 Lela 63 mr mojo 64 Giaco
65 Bea 66 Megatrex 67 Il Capo 68 Aldo
69 Rocky 70 Gonnella 71 Vitino 72 Freestyler
73 Freestyler 74 folletto 75 Valentino 76 Valentino
77 Valentino 78 Donato Mariano 79 Donato 80 Kartone
81 Mago 82 glam 83 Gozilla 84 Gozilla
85 ANDREA FERRIGNI 86 Antonella 87 Anzalon 88 danger
89 antonella 90 FATHER 91 joe falchetto 92 Snoopy

 

Lascia un commento