Amandola 2009

1 maggio 2009: sullo sfondo dei suggestivi monti sibillini, il nostro sguardo per una sera è rapito dai vicoli e dalle mura storiche della nostra piccola cittadina, che mutano in roccia per dare vita alla 2° edizione dello street boulder contest di Amandola. Un modo per condividere insieme questi suggestivi scenari diversi dal solito.

Dopo settimane di pioggia e di “scongiuri”, il bel tempo finalmente ci ha concesso una tregua,ed un caldo sole primaverile ha finalmente illuminato le vie ed i vicoli storici del nostro piccolo borgo medievale: Amandola, teatro della 2° edizione dello street boulder contest.

   VetrinaAmandola2009_3

Ore 16.30, e già si vedono apparire all’orizzonte i primi crash,e nel giro di pochi minuti sono tutti lì, a fasciare dita, a fare streching, impazienti di mettere sotto tensione muscoli e nervi sui primi blocchi tracciati con indiscusso entusiasmo dal nostro appassionato team. Trentotto i partecipanti, provenienti da Ascoli, Macerata, Ancona, Civitanova Marche,Osimo,Recanati,PotenzaPicena,Senigallia,Montegiorgio e naturalmente i nostri mitici amici di Milano,Papik,Paolo,Filippo e Marcos,( non più ospiti, ma di casa….ormai perfettamente integrati,con nostra grande gioia ,nel nostro” piccolo mondo”)

Appena il tempo di distribuire le mappe con le tracce dei blocchi e si parte,sono ben 47!tracciati su muretti, colonne, portoni, cabine telefoniche e tutto ciò che d’urbano è possibile arrampicare, compresa la nostra chiesa del XIV secolo (speriamo che il prelato non si accorga di un paio di mattoni fuori posto…) E allora duriii, tra gli applausi e l’incitamento degli altri climbers, e dei curiosi, accorsi numerosi per questo atipico evento,che porta con sé sempre un po’ di sbigottimento tra i non”addetti ai lavori”.

VetrinaAmandola2009_1

L’entusiamo e lo spirito amichevole è così alto e percepibile che,alle ore 20.30, abbiamo qualche difficoltà a radunare tutti per la finale. La finale, un blocco tracciato sulla facciata della chiesa del Beato Antonio, partenza seduti,e via in dulfer su un angolo dove i piedi cercano a fatica di inventare improbabili appoggi dove scaricare, a seguire,traverso su buconi da tenere piatti, lancio al quarto bucone alto, ed infine top al listone; forse la descrizione è un po’tecnica,ma vi assicuriamo che è stata veramente dura! VetrinaAmandola2009_2

Vincitore della 2° edizione il Milanese Papik Villa,al quale basta un solo tentativo per dimostrare che il più forte è ancora lui, secondo e terzo classificato dalla vicina Macerata, Samuele Vincenzetti e Samuele Carducci, che non ci stanno ad arrendersi e non mollano mai…Ma anche tutti gli altri amici di Milano ci hanno regalato in modo indiscusso performance da veri professionisti,sempre accompagnate dalla loro simpatia. Naturalmente non potevano mancare i premi,offerti dallo sponsor Rocksport di Macerata per i primi tre classificati,ed anche per il più giovane, Luca(5 anni) ed il veterano Maurizio Riganelli, mitica guida alpina di Macerata.

Ma la vera festa è stata a seguire, con la cena (lasagne,polletto e soprattutto fiumi di vino) organizzata dal caffè La Fojetta dei mitici Marco e Juri, (prima o poi faremo arrampicare anche loro…è una promessa). Un ringraziamento al comune di Amandola per i permessi, ai vigili, agli sponsor:il caffè La Fojetta, ed il negozio specializzato in attrezzatura sportiva Rocksport , ma soprattutto a tutti i partecipanti e alle loro urla,che hanno reso possibile ancora una volta questo nostro sogno!!! Grazie di cuore ed Arrivederci al prossimo anno, speriamo sempre più numerosi e più duri!!! Intanto aspettiamo con anzia i prossimi appuntamenti di Genova,Torino,Bari e Milano…

Alessandro,Romana,Giuliano,Massimiliano,Mauro Gruppo Domus Climber

 

Lascia un commento